Abbiamo già parlato diverse volte di quanto possa fare la differenza nella vita di tutti i giorni esercitare la gratitudine. Apprezzare le piccole o grandi cose che ci accadono quotidianamente, può permetterci di vedere da una prospettiva diversa, oltre che avere sempre più cose per cui ringraziare ed essere grati. Proprio per sottolineare l’importanza di questa pratica, abbiamo deciso di riportare l’intervista a Brené Brown per Goop, docente e ricercatrice presso l’Università di Houston e famosa per il suo celebre discorso sulla vulnerabilità su TED. 

Per esercitare la gratitudine hai bisogno meno di un minuto al giorno e non dovrai acquistare un diario. Ecco i consigli di Brené Brown. 

Hai parlato molto di una rivelazione sorprendente nella tua ricerca: praticare la gratitudine è la chiave della gioia. Perché pensi che sia così?

Prima della ricerca, avevo ipotizzato che le persone gioiose fossero persone riconoscenti. Ma dopo aver intervistato migliaia di persone sulle loro esperienze di gioia e gratitudine, sono emersi tre schemi:

  1. Senza eccezioni, ogni persona che ho intervistato ha descritto di aver vissuto una vita gioiosa o si è descritta come gioiosa attivamente praticata gratitudine e ha attribuito la propria gioia a quella pratica.
  2. Sia la gioia che la gratitudine sono state descritte come pratiche spirituali legate a una credenza nell’interconnessione umana e ad un potere maggiore di noi.
  3. La differenza tra felicità e gioia può essere equiparata alla differenza tra un’emozione umana connessa alle circostanze e una che ha un modo spirituale di interagire con il mondo.

Che cosa significa esercitare la gratitudine in termini pratici?

Il nostro atteggiamento non si traduce sempre in azione. Penso che il modo migliore di pensare alla pratica della gratitudine sia: stai facendo qualcosa di tangibile e osservabile? Nella mia famiglia, andiamo attorno al tavolo e, a turno, condividiamo una cosa che siamo grati per quel giorno. Nei compleanni, tutti condividono una gratitudine per la persona che compie gli anni. Al lavoro, mettiamo i nomi delle persone su grandi poster e chiediamo a tutti di scrivere una gratitudine su un appiccicoso sotto ogni nome. Tengo anche un diario e scrivo tre cose per le quali sono grato quasi ogni giorno. È molto più che pensare alle cose di cui siamo grati: le stai verbalizzando.

In che modo ha influito sulla tua vita?

La gioia è la più vulnerabile di tutte le emozioni umane, e questo dice qualcosa, dato che studio anche la vergogna e la paura. È quasi terrificante permetterci di appoggiarci alla sensazione di gioia, perché abbiamo paura che saremo risucchiati dal dolore o dalla delusione. Quindi quello che molti di noi fanno – me compreso – è cercare di superare in astuzia la vulnerabilità in modo da non essere presi a pugni dal dolore.

Se sto dormendo sui miei figli mentre dormono, vado dalla gioia profonda al puro terrore in cinque secondi e inizio a ottenere visioni di qualcosa di terribile che sta accadendo. Mentre guardavo Ellen salire in macchina con la sua data del ballo, non riuscivo a togliermi dalla mente l’immagine di un incidente d’auto. So che sembra folle, ma ho anche studiato questo per oltre un decennio, e se è pazzo, ci sono un sacco di noi che lo sono. Circa il 90 percento di noi e il 95 percento dei genitori sperimentano un certo grado di “gioia presuntuosa”.

Naturalmente, nessuna quantità di pianificazione può fermare il dolore. Possiamo, tuttavia, sperperare la gioia stessa che dobbiamo portare nelle nostre vite in modo che quando accadono cose difficili, non abbiamo un serbatoio di forza da attingere.

Uomini e donne che hanno la capacità di appoggiarsi pienamente alla gioia condividono una variabile in comune: praticano gratitudine. La vulnerabilità è reale e noi abbiamo una risposta fisiologica ad essa: una faretra. Alcuni di noi usano quel fremito come segnale di avvertimento per iniziare la tragedia delle prove del vestito, mentre altri lo usano come promemoria per praticare gratitudine. Ora, in quei momenti profondamente gioiosi in cui sento la faretra, dico letteralmente: “Sono così grato per …” E a volte lo dico ancora e ancora. Mi ha cambiato la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.