Probabilmente avrai sentito parlare del metodo Wim Hof o di Wim Hof detto The iceman. Quest’uomo è l’ideatore di un metodo che basandosi su respirazione, freddo e meditazione ti permette di controllare corpo, mente ed emozioni. Incredibile vero? Eppure se vedi i video di Wim Hof, sembra tutto semplicissimo e soprattutto fa sentire invincibili. Ecco perché potrebbe rivoluzionare anche la medicina. 

I dettagli del metodo Wim Hof

Wim Hof è un olandese di sessant’anni che in seguito al suicidio della moglie, ha capito che doveva cambiare la sua vita, non solo per lui ma anche per i figli che avrebbe dovuto crescere da solo. Ha trovato nella natura e soprattutto nel freddo, i suoi alleati ideali e per questo si è guadagnato il soprannome di Iceman, Uomo ghiaccio. 

Wim Hof detiene diversi 26 Guinness World record, tutti connesse al freddo estremo come rimanere immerso in una vasca di ghiaccio per oltre 1 ora, aver nuotato sotto un lago ghiacciato o aver scalato il Kilimangiaro in un tempo record in pantaloncini corti. Situazioni davvero inimmaginabili e al limite dell’umano. 

Ma come riesce Wim Hof a dominare questo elemento? Lui ha deciso di condividere i suoi segreti attraverso il metodo Wim Hof, un sistema che combina 3 elementi: respirazione, esposizione al freddo e meditazione allo scopo di avere il pieno controllo sul proprio corpo e sulla propria mente attraverso il controllo del ritmo cardiaco e dell’adrenalina. Puoi trovare un approfondimento nel suo libro La forza del freddo.

Se stai pensando, “chissà quanto esercizio ci vorrà” sappi che non è così. Se non ci credi, ti basterà vedere oltre i tantissimi video su Youtube, anche la docuserie The Goop Lab su Netflix. Nella seconda puntata in cui Gwyneth Paltrow è la padrona di casa nel suo headquarter di Goop, il suo sito internet di successo, Wim Hof viene invitato proprio a parlare del suo metodo e 5 persone normalissime, di cui una che soffre anche di attacchi di panico, decidono di passare un weekend insieme a lui per imparare le sue tecniche. L’obiettivo fisico: tuffarsi in un lago con una temperatura di 7 gradi.  L’obiettivo reale: prendere piena coscienza del proprio corpo e delle proprie emozioni.

I tre pilastri del metodo Wim Hof

Come ti abbiamo già anticipato, le tre componenti del metodo Wim Hof sono respirazione, esposizione al freddo e meditazione.

Respirazione

Le tecniche di respirazione di Wim Hof sono simili a quelle del pranayama. E’ una respirazione molto profonda e forte, per questo va eseguita mentre si è seduti o sdraiati sul divano o a letto. Respirazione profonde a bocca aperta sia per l’ispirazione che per l’espirazione, gonfiando diaframma e polmoni, arrivando fino alla testa  e poi lasciando andare. Il tutto da eseguire 30-35 volte. Arrivato all’ultimo respiro, lasciando andare l’aria, smetti di respirare. Poni attenzione a come ti senti e a cosa percepisci. Ripeti l’esercizio per altre 2-3 volte. 

Sperimenta tu stesso questo tipo di respirazione grazie all’approfondimento e all’esercizio dedicato che trovi in questo articolo.

I benefici di questo tipo di respirazione sono diversi: riduzione dello stress, migliore qualità del sonno, rapidità di recupero dello sforzo fisico, maggiore lucidità mentale .

Terapia del freddo

La cold therapy o la terapia del freddo, prevede l’esposizione del corpo a basse temperature. Non è un caso che molti atleti professionisti oggi, pratichino la crioterapia

La frequente pratica di questa terapia prevede numerosi benefici tra cui miglioramento del metabolismo, riduzione delle infiammazioni muscolari e soprattutto un notevole innalzamento dei sistemi immunitari. 

Meditazione

Ci sono davvero molti tipi di meditazione e ognuno di noi puoi scegliere quello che preferisce e porta a lui maggiori benefici. L’obiettivo è sempre il medesimo: creare il giusto mindset per migliorare la qualità della nostra vita e poter prendere decisioni più appropriate per noi. 

L’opinione scientifica

Il metodo Wim Hof e Wim Hof stesso è stato sottoposto a diversi studi scientifici, soprattutto per il suo risultato di incrementare e di molto, il sistema immunitario. Il cervello di Hof risulta, quindi, in grado di termoregolare il corpo durante l’esposizione a temperature molto basse. A questo si aggiunge anche la capacità di generare come una sorta di risposta analgesica allo stress creando una sensazione di benessere. 

Per questo il metodo Wim Hof, porterebbe benefici non solo a livello fisico ma anche a livello psichico, risultando un valido alleato per combattere artrite, asma ed esaurimenti nervosi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *